Leclerc fa mea culpa, tolleranza zero | La confessione scuote il mondo della Formula 1

Leclerc fa mea culpa, tolleranza zero: la confessione scuote il mondo della Formula 1. Il monegasco ne ha parlato a ruota libera

La stagione 2022 non è andata completamente nel verso giusto per il #16 e lui stesso è il primo a rammaricarsi. Quando commette errori, Leclerc è il primo a farsene una colpa, essendo molto esigente con sé stesso.

Critiche Leclerc
Critiche Leclerc – TennisPress.it

Sapere di avere una macchina competitiva per il 2022 aveva caricato di attese e buone speranze Charles Leclerc. La partenza del campionato scorso è stato un trionfo, con le vittorie di Sakhir e Melbourne ad arricchire uno stato di confidenza in pista del #16 davvero invidiabile. Poi la Red Bull ha messo sul piatto tutte le carte, con uno sviluppo sensazionale della RB18.

Dal canto suo la Ferrari non ha saputo portare aggiornamenti all’altezza per la F1-75, finendo con perdere terreno in modo costante. Anche la Mercedes si è rifatta sotto ed è diventata una battaglia per la piazza d’onore. Leclerc ha dovuto sopportare maggiormente gli errori del team rispetto ai suoi, specie nella gestione del box la domenica, con scelte non sempre azzeccatissime (eufemismo).

Leclerc fa mea culpa, non sopporta i propri errori: il ricordo terribile del GP di Francia

Critiche Leclerc
Charles Leclerc e le dure critiche nei confronti di sé stesso – TennisPress.it

Il monegasco ci ha messo del suo, in negativo, in gare come quella in Francia, dove è uscito di pista quando guidava la gara. Il dover spingere oltre il limite non ha aiutato di certo il 25enne del Principato, che non si è mai perdonato gli errori commessi.

E’ stato lui stesso a ricordarlo in una recente intervista a The Race, in cui racconta: “I momenti più difficili per me sono sempre i miei stessi errori perché sono sempre molto duro con me stesso. Parlando dei miei errori, ne ho commesso uno in Francia. In stagione commetterai sempre un errore. Questo è costato tanto perché ero in testa, ma capita“.

Leclerc e il 2023: deve essere l’anno della definitiva consacrazione, per lui e per la Ferrari

Ferrari Leclerc
La Ferrari F1-75 in pista con Charles Leclerc impegnato nella guida – TennisPress.it

Ora per compiere il salto di qualità definitivo serve una stagione praticamente perfetta, un 2023 immacolato. Leclerc sa benissimo che Verstappen e la Red Bull saranno sempre l’auto da battere ma la speranza di recuperare un po’ di terreno, grazie alle limitazioni imposte dal budget cap, esiste.

L’arrivo di Frederic Vasseur può essere una garanzia per l’ex pilota dell’Alfa Romeo Sauber, che proprio lì conobbe l’attuale team principal di Maranello. L’intenzione chiara dei vertici del Cavallino, non dichiarata ufficialmente, è quello di puntare sempre più a spron battuto sul monegasco. Si stanno cercando di mettere a punto tutte le mosse strategiche possibili per consentire a Charles di essere una prima guida affidabile.

Il prossimo Mondiale può essere quello della svolta, ma servirà non commettere alcun tipo di errore, sia per quanto riguarda le strategie (vedi il box) sia per quanto riguarda la pista (guida del pilota). La sfida è lanciata, mancano solo due mesi.