Sinner nella storia: mai nessuno prima c’era riuscito

Jannik Sinner continua nella sua ascesa incredibile nel tennis che conta, togliendosi anche una soddisfazione personale assoluta

Una giornata pazzesca per il tennis italiano quella di sabato. Che porta un nome ormai dalla classe infinita: Jannik Sinner. Il campione altoatesino ha trascinato la selezione azzurra alla finale di Coppa Davis, poi conquistata contro l’Australia.

Sinner da record contro Djokovic
Mai nessuno come Jannik Sinner (Ansa) – Tennispress.it

A Malaga la semifinale contro la Serbia si era messa male, dopo l’amaro k.o. nel primo match di Lorenzo Musetti, sconfitto da un arrembante Kecmanovic. Ma poi è sceso in campo il grande Jannik, nella rivincita della finale di ATP Finals contro sua maestà Novak Djokovic.

Una sfida pazzesca quella tra questi due grandi atleti, ma stavolta è stato Sinner ad avere la meglio. Chiudendo poi l’opera nel doppio assieme a Lorenzo Sonego, superando ancora Djokovic in tandem con Kecmanovic. Insomma, un’Italia spedita verso la finalissima, soprattutto grazie ad un Sinner in versione supereroe.

Battere due volte in stagione Djokovic: una gioia per pochi tennisti

Sinner con il trionfo di ieri contro Djokovic è entrato a far parte di un ristrettissimo club del mondo del tennis. Ovvero di coloro che, dal 2011 in poi (anno in cui Nole è divenuto top mondiale), sono riusciti a battere per due volte nella stessa annata il fuoriclasse serbo.

sinner vs. djokovic
Sinner ed il duello infinito con Djokovic (Ansa) – Tennispress.it

Prima di Jannik nomi illustri c’erano riusciti: Roger Federer, Andy Murray, Rafa Nadal, Nick Kyrgios, Dominic Thiem e Alexander Zverev. Il tedesco è stato l’ultimo in ordine di tempo, nel 2021, tra le Olimpiadi di Tokyo e le ATP Finals. Ma Sinner ha fatto ancora meglio: ha messo k.o. il numero uno al mondo nel giro di soli 12 giorni. Prima martedì 14 novembre a Torino, nel girone delle Finals, poi sabato 25 novembre a Malaga nella semifinale della Davis.

Un record totale quello del classe 2001, che Djokovic ha incensato come “vicinissimo ormai ad essere numero 1 al mondo”. Ora manca l’ultimo tassello della sua clamorosa stagione: portare la squadra azzurra al titolo in Davis.

Altri record di cui vantarsi per Sinner: l’azzurro è stato il primo tennista di sempre a battere Djokovic con una condizione di tre set point annullati consecutivamente in rimonta. Inoltre l’altoatesino è anche il primo italiano nella storia a vincere per tre volte in stagione contro il numero 1 al mondo in carica. Quest’anno infatti ha superato Carlos Alcaraz a Miami quando era leader del ranking e Djokovic nelle due sfide appena citate.