Federer, l’annuncio che spazza via tutti i dubbi: tutto confermato

Roger Federer ha fissato la data del ritorno, confermando, di fatto, le parole del suo manager. Lo svizzero non gioca da Wimbledon 2021.

A quasi 41 anni, Roger Federer non vuole sentir parlare di ritiro. Dopo 20 Slam conquistati e i vari acciacchi fisici, compreso l’infortunio che lo sta tuttora tormentando, il fuoriclasse svizzero ha ancora tanta voglia di giocare e di dimostrare di poter restare ancora per parecchio tempo all’interno del circuito.

Roger Federer
Roger Federer (Ansa Foto)

L’ultimo match risale a inizio luglio 2021, quando fu sconfitto ai quarti di finale dal polacco Hubert Hurcacz. Da allora iniziò il lungo calvario che lo sta costringendo ai box da 11 mesi. Tuttavia, tutto questo sta per finire.

Infatti, dopo le parole di Tony Godsick che facevano ben sperare i suoi tifosi, Federer ha di fatto confermato quanto detto dal suo agente, annunciando la data del suo rientro in campo in un’intervista ai microfoni di SRF Sport.

Roger Federer: “Ho buone sensazioni”

Roger Federer
Federer (Ansa Foto)

Giocherò la Laver Cup e poi a Basilea – afferma –. Dopo la stagione sarà terminata e avrò dunque il tempo di rimettermi in forma per preparare al meglio la prossima. È questo il mio scopo, ma so che devo avere pazienza“.

Infatti, nella stessa occasione, Federer ha dichiarato di voler esserci anche nel 2023, sfruttando quindi il periodo di pausa tra una stagione e l’altra. “La mia idea è questa – ammette –. Sono curioso di vedere a che punto sono, ma guardo tutto questo con fiducia”. Importanti, a questo proposito, saranno i mesi che lo separano dai due appuntamenti che ha segnato in calendario: “I prossimi tre o quattro mesi saranno fondamentali per capire e definire il mio futuro. Ho buone sensazioni per ciò che succederà e per come stanno andando le cose“.

Dunque, queste le parole dell’ex numero 1 al mondo, che sa che, per tornare al top della forma, serve un lavoro lungo e attento. “Sapevamo fin dall’inizio che sarebbe stata lunga – prosegue –. Sono comunque molto attivo. Vado in palestra cinque o sei volte a settimana e sto tornando in forma poco a poco“. Poi aggiunge: “Come detto, tutto procede molto lentamente, lo sapevamo. Gioco pochissimo a tennis, peraltro con i miei figli“.

Insomma, manca sempre meno per rivedere in campo Re Roger, che quindi sarà all’evento esibizione che vedrà schierate le formazioni con i migliori giocatori d’Europa e del resto del mondo, in programma dal 23 al 25 settembre. Dopodiché, tornerà a “casa”, per il torneo Atp 500 di Basilea, che torna dopo due anni di assenza causa pandemia. E qui Federer è in qualche modo una garanzia, avendo vinto quasi sempre dal 2006 al 2019, ad eccezione delle edizioni del 2009, 2012, 2013 e 2016.