Tennis, fuori per infortunio: il motivo è sconcertante

Il tennista è ancora costretto a un lungo stop per un infortunio che, a suo dire, deriverebbe da una causa assurda.

Il Tennis è sicuramente uno degli sport che mette maggiormente alla prova la condizione atletica e muscolare di chi lo pratica. Sforzi imponenti, tornei consecutivi e sempre ravvicinati, gare che durano ore ed ore di gioco senza quasi pause.

Carreno Busta infortunio palline Tennis
Infortunio assurdo per uno dei big del Tennis (Ansa) – Tennispress.it

Non a caso sono tanti gli infortuni e gli stop muscolari in cui incappano i protagonisti di entrambi i circuiti. Ma non sono soltanto gli stress e le tante partite ravvicinate a generare tali infortuni. C’è anche un altro motivo a dir poco impensabile ed assurdo, denunciato a più riprese dai giocatori.

Tra i primi a dirlo è stato Pablo Carreño Busta, tennista spagnolo che sta vivendo un’annata davvero tribolata. Infortunatosi al gomito nella fase finale di Coppa Davis 2022, il 31enne ha avuto una ricaduta pesante durante gli ultimi Australian Open. Da febbraio è fuori per tale problema fisico, dovuto a suo dire da una condizione da gioco particolare.

Carreño Busta e il motivo assurdo dell’infortunio

Intervistato dal portale Punto de Break, Carreño Busta ha spiegato quale sia secondo lui uno dei maggiori motivi per cui sta continuando a soffrire di infortuni e problematiche fisico-muscolari. Clamorosamente lo spagnolo ha parlato del cambio eccessivo di palline da gioco. Ovvero delle tante marche e tipologie diverse che vengono usate nei vari tornei internazionali, cambi che farebbero male alle articolazioni ed ai gomiti.

carreno busta infortunio palline tennis
Carreno Busta e la causa assurda dell’infortunio (Ansa) – Tennispress.it

È chiaro che le palle sono molto diverse e il cambio continuo influisce. La scorsa settimana abbiamo giocato con una marca, oggi con un’altra. Ma sul circuito Challenger è ancora peggio perché si cambia più spesso. Comunque, anche su quello ATP non si giocano mai due tornei con le stesse palle. Questo giustifica il maggior numero di lesioni”. Una motivazione non campata in aria, visto che Carreño Busta non è certo l’unico tennista a lamentarsi.

Di recente anche l’americano Taylor Fritz ha fatto intendere come i suoi recenti problemi al polso fossero per colpa delle palline di diverse dimensioni e peso che vengono utilizzate. Emblematica anche la rivelazione di Daniil Medvedev: il numero tre al mondo ha definito le palle utilizzate nell’ultimo China Open come dei “pompelmi troppo grandi e morbidi“, per far intendere come certe palline siano poco adatte alle braccia e alle mani degli atleti.

Impostazioni privacy