Esonero Pioli, annuncio pazzesco: le ultime in casa Milan

A pochi giorni dall’inizio del campionato di Serie A, c’è chi parla di esonero per Stefano Pioli. Le ultime

Quello del Milan è stato un mercato ricchissimo di novità e di sorprese. Alla cessione di Sandro Tonali al Newcastle per oltre 75 milioni di euro ha fatto seguito una raffica di acquisti: la rosa rossonera ha subito una vera e propria rivoluzione, con ben sette volti nuovi che hanno varcato i cancelli del centro sportivo di Milanello.

Stefano Pioli rischia l'esonero
Quanti rinforzi dal mercato per Stefano Pioli (LaPresse) – Tennispress.it

Ma nonostante i massicci investimenti realizzati dal fondo RedBird, proprietario del Milan da poco più di un anno, e le rosee prospettive di crescita a breve e medio termine, intorno al futuro Stefano Pioli iniziano a circolare voci e indiscrezioni non proprio rassicuranti.

Le prime uscite stagionali del Milan hanno destato qualche perplessità. Chiaramente con tutti i nuovi acquisti, i rossoneri avranno difficoltà all’inizio a trovare il giusto amalgama. Un compito quest’ultimo che toccherà allo stesso Pioli, inevitabilmente, sotto pressione dopo un mercato di tale portata.

Esonero Pioli, la dichiarazione è inequivocabile

Già durante a scorsa stagione, specie nei momenti di maggiore difficoltà, non sono stato pochi i supporters rossoneri che hanno paventato un esonero di Pioli e l’arrivo in panchina di altri profili. Con Conte e Spalletti liberi, inevitabilmente, entrambi rappresentano soluzioni auspicate da parte dei tifosi milanisti qualora il tecnico parmense dovesse fallire nella prossima stagione.

Pioli possibile esonero Milan
Stefano Pioli non può sbagliari (LaPresse) – Tennispress.it

Uno dei tifosi milanisti più noti è l’opinionista Leonardo Martinelli. Intervenuto a ‘Top Calcio 24′, Martinelli non ha lesinato critiche pesanti nei confronti dell’allenatore del Milan, reo di non avere più da tempo le idee chiare: “Non è solo una questione di amichevoli perse – le sue parole – è dall’anno scorso che non ne azzecca una, non riuscendo a valorizzare neanche uno dei nuovi acquisti“.

Sempre Martinelli, più infuriato che mai, lancia un vero e proprio ultimatum rivolto al trainer rossonero: “Gli concedo due mesi di tempo. Nelle prime giornate ci saranno gli scontri diretti con Roma, Inter e Lazio, poi vedremo“. Chissà se il pensiero del noto tifoso del Milan è condiviso dalla dirigenza o da una parte di essa. Al momento, ovviamente, la posizione di Pioli è ben salda sulla panchina del Milan.

Le prime partite, tuttavia, potrebbero essere davvero già decisive. Stavolta, non possono esserci alibi dal mercato e dalla poco profondità della rosa. I margini d’errore, per Pioli, sono ridotti.

Impostazioni privacy