Ferrari, battutaccia in diretta: l’hanno sentita tutti

La Ferrari ha vissuto un avvio di stagione difficile in F1: la presa in giro diventa immediatamente virale.

La scuderia di Maranello si ritrova indietro in classifica rispetto alle previsioni:  L’avvio di stagione non è sicuramente dei migliori per la Ferrari. Dopo tre gare, infatti, sono solo 26 i punti in classifica: 20 per Sainz e 6 per Leclerc.

Ferrari, la battuta è diventata virale
Ferrari, c’è chi ironizza sulla Rossa (LaPresse) – Tennispress.it

Fin qui la macchina è parsa indietro rispetto a quella della passata annata, anche se si sono intravisti segnali positivi nel weekend di Melbourne. Nonostante il ritiro del monegasco e i 0 punti per lo spagnolo a causa della penalità, infatti, il passo gara è stato migliore rispetto a quello dei GP precedenti.

Vasseur ha confermato che è stato intrapreso un cambiamento importante a livello di sviluppo per cercare di migliorare le prestazioni. In Australia si è già visto un fondo aggiornato e la macchina è sembrata meno “nervosa”: la pausa prima del GP di Baku è stata sicuramente importante per proseguire su questa strada.

Ferrari, la battuta dice tutto: cos’è successo

A causa del rendimento non certo soddisfacente però, la scuderia di Maranello è oggetto di battute ironiche da parte di chi con la Formula non c’entra nulla. Cliccatissime, a riguardo, le imitazioni di Maurizio Crozza. Ora invece a scherzare sulla Ferrari è stato il direttore sportivo della Roma Tiago Pinto, il quale prima del match d’andata per i quarti di finale di Europa League contro i Feyenoord ha citato la Ferrari parlando di una trattativa di mercato.

Tiago Pinto, la battuta sulla Ferrari
Tiago Pinto scherza sulla Ferrari (Ansa) – Tennispress.it

I giallorossi sono sulle tracce di Aouar, centrocampista del Lione in scadenza di contratto e Pinto ne ha parlato a DAZN. Il giornalista che ha chiesto se la Roma fosse in pole position per il giocatore e il dirigente portoghese ha risposto ridendo: “Non voglio fare la fine della Ferrari che inizia sempre davanti, ma senza vincere”.

Una battuta che di sicuro non è passata inosservata ai fan del Cavallino, ma che rispecchia l’andamento delle ultime due annate, nelle quali la Rossa non è riuscita a mantenere in pista le buone premesse di inizio stagione o dell’immediata vigilia dei GP.

Dopo tre gare, la classifica del Mondiale di F1 vede tre team davanti alla Ferrari: Red Bull, Aston Martin e Mercedes. L’obiettivo ora è quello di ridurre il gap. Vasseur, prima dell’avvio della stagione, aveva affermato di puntare alla vittoria del titolo: per poterci sperare, sarà necessario avere delle risposte a Baku, dove si terrà anche la prima Sprint Race dell’anno.

Impostazioni privacy