Berrettini può farcela: il momento per dimostrarlo è imminente

Vincenzo Santopadre ha analizzato le possibilità di vittoria di Matteo Berrettini. A breve ci sarà il primo grande appuntamento stagionale.

Matteo Berrettini si sta preparando per tornare in campo in occasione dell’Australian Open. Il romano ha preferito non prendere impegni nella settimana che lo separa dal primo Slam dell’anno e dunque tornerà protagonista direttamente a Melbourne.

Matteo Berrettini
Matteo Berrettini – Tennispress.it

La United Cup disputata con la Nazionale nei giorni scorsi si è rivelato un ottimo test in vista del grande appuntamento. Infatti, Matteo si è espresso ad alti livelli per l’intera durata della manifestazione contribuendo all’arrivo in finale degli azzurri con le sue prestazioni. Ciò nonostante le due sconfitte contro il numero quattro Atp Stefanos Tsitispas e il numero nove della classifica Taylor Fritz.

Questo perché in entrambe le occasioni l’azzurro è arrivato vicino alla vittoria, giocando bene e concedendo poco. La vittoria, purtroppo, non è arrivata ma, grazie alle vittorie precedenti, da lunedì scorso Berrettini è tornato numero uno d’Italia piazzandosi in quattordicesima posizione del ranking. Superato Jannik Sinner che ad Adelaide 1 è stato costretto a ritirarsi ai quarti a causa di un infortunio che, comunque, non dovrebbe impedirgli di partecipare all’Australian Open.

Dunque, saranno principalmente loro i portabandiera azzurri per il maschile, con entrambi che aspirano al traguardo massimo, ovvero vincere il loro primo Slam in carriera. Di Berrettini, in particolare, ne ha parlato coach Vincenzo Santopadre, che guarda con fiducia al primo Major del 2023.

Berrettini, Santopadre: “Ne ha le potenzialità”

Matteo Berrettini
Matteo Berrettini – Tennispress.it

È in crescita sotto tutti i punti di vista – le parole dell’allenatore –. È sempre più libero di testa e di tennis e sta sempre meglio fisicamente. Che per noi è la base di tutto“. Proprio l’aspetto della condizione fisica, infatti, è stato uno dei punti deboli di Matteo nel 2022, disputata tra alti e bassi proprio in virtù dei tanti infortuni subiti nell’arco della stagione. Ora, però, sembrerebbe aver riconquistato una buona forma e ciò lo si è visto nei match giocati in United Cup. “Oggi è leggero, sempre più capace di gestire le situazioni di gioco e le pressioni, e di lasciare quindi più spazio all’istinto” ha poi aggiunto Santopadre.

Matteo è particolarmente bravo a portarsi sempre via comunque qualcosa dalle partite – prosegue il coach –. Stavolta ha guadagnato la forza di essere meno titubante. Che gli viene dalla ritrovata fiducia“. Fiducia riacquistata soprattutto con le vittorie su Casper Ruud, numero 3 Atp, e il numero 11 del ranking Hubert Hurkacz, oltre alle belle prestazioni con Tsitispas e Fritz nonostante le sconfitte. “Contro quattro dei più forti del mondo ha espresso un livello altissimo di tennis, venendo sempre fuori e sereno dalle difficoltà” ha detto Santopadre.

Melbourne gli pace e si trova bene, ma non si può giudicare un giocatore da un tornei, sia pure uno Slam. E poi Matteo gioca bene un po’ ovunque. Di sicuro, questa leggerezza che sta esprimendo è un’arma i più per ambire a vincere a Melbourne. Ne ha le potenzialità“. Parole, queste di Vincenzo, che dunque confermano i progressi del romano, che quest’anno ha l’occasione di migliorare il suo miglior risultato ottenuto in Australia, dove l’anno scorso si spinse fino alle semifinali.