Nadal, l’elogio è una sorpresa: “snobbati” Federer e Djokovic

Nadal ha ricevuto un elogio importante da un super coach del mondo del tennis: la frase apparirà anche in un documentario.

Dopo il forfait di Carlos Alcaraz, Rafael Nadal avrà l’onore e l’onere di difendere il titolo vinto lo scorso all’Australian Open come testa di serie numero 1 del tabellone. Un fattore che potrebbe aiutarlo ad avere un cammino più agevole, anche considerato che lo spagnolo arriverà all’esordio con un bilancio stagionale di 0-2.

Rafa Nadal
Rafa Nadal – Tennispress.it

La speranza, per lui, può essere quella di ritrovare le buone sensazioni in un posto che l’anno scorso gli ha regalato una delle più grandi gioie, e delle più grandi imprese, della sua lunga carriera, con una finale epica vinta in rimonta su Daniil Medvedev.

Un anno dopo, effettivamente, quel suo successo è destinato anche ad arricchirsi di tanti retroscena, grazie all’imminente uscita di Break Point, la nuova docu-serie sul mondo del tennis prodotta da Netflix. Le testimonianze raccolte, certamente, arriveranno anche dall’edizione 2022 dello Slam australiano. Tra queste, ce ne sarà una importantissima da parte di un coach come Paul Annacone, che proprio all’attuale numero 2 del mondo ha rivolto un grandissimo elogio.

Nadal, Annacone non ha dubbi: l’investitura è totale

Rafa Nadal
Il tennista Rafa Nadal – Tennispress.it

Nelle anticipazioni del documentario, raccolte dalla testata inglese Express, si vede l’ex coach di Roger Federer rivolgersi con profonda stima verso Nadal ai tempi dell’Australian Open poi vinto. “Uno dei miei più grandi cliché che amo da morire e che ho usato mille volte è che metti sempre in discussione i grandi di tutti i tempi a tuo rischio e pericolo.

Cliché che lo stesso iberico ha smentito, mano a mano nel torneo, dimostrando un’incredibile stato di forma ed una fame assoluta, moltiplicata probabilmente anche dalle difficoltà che ne avevano messo a rischio la carriera negli ultimi mesi del 2021, per via degli enormi problemi al piede.

“Per molto tempo abbiamo parlato di quando Rafa, Roger e Novak invecchieranno, quando cadranno. Non puoi semplicemente annoverare i grandi in questo discorso, perché fanno cose che non possiamo davvero comprendere completamente. E nello specifico il riferimento è andato proprio a Nadal, dopo la semifinale vinta contro Matteo Berrettini: “Credo che sia il più grande competitor nella storia di tutti gli sport, ha sentenziato.

Caccia all’Australian Open 2023: il tabù che ostacola Nadal

Rafael Nadal
Rafael Nadal – Tennispress.it

Anche quest’anno, in effetti, c’è dello scetticismo alla vigilia dell’Australian Open nei confronti di Nadal, che è reduce, a cavallo tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023, da sei sconfitte nelle ultime sette partite (l’unica vittoria è arrivata nel Round Robin delle ATP Finals contro Casper Ruud).

Tra le altre cose, poi, va ricordato che in Australia quest’anno tornerà anche Novak Djokovic, assente lo scorso anno per la delicata questione relativa al visto ed alla sua mancata vaccinazione contro il COVID-19. In ultimo, per ripetersi e giungere così alla conquista dell’agognato 23esimo Major, il trentaseienne mancino di Manacor dovrebbe sfatare uno dei tabù della sua carriera.

All’infuori del Roland Garros, conquistato per ben 14 volte, non ha mai difeso con successo un titolo Slam. L’ultima volta, da campione in carica a Melbourne, nel 2010, si era ad esempio fermata per infortunio nei quarti di finale contro Andy Murray, costretto al ritiro (dopo aver perso i primi due) nel corso del terzo parziale.