Nadal non ha dubbi, è stata quella più bella: c’entra anche Federer

Rafael Nadal non ha dubbi su quale sia stata la sua vittoria più bella in carriera. L’avversario era sempre lui, Roger Federer.

Rafael Nadal è pronto a ricominciare dall’Australia la sua ennesima stagione da professionista e, a distanza di un anno, è di nuovo a Melbourne per preparare l’Australian Open in cui si presenterà al via da campione in carica.

Rafael Nadal
Rafael Nadal – Tennispress.it

Sono quindi giorni intensi per il maiorchino che arriva da un 2022 a due facce, caratterizzato da una prima parte di stagione esaltante, grazie ai suoi quattro successi culminati (Atp di Melbourne, Australian Open, Atp di Acapulco e Roland Garros), e da una seconda in cui tra infortuni e nascita del figlio non è riuscito a dare quanto sperava.

Aldilà dei problemi della moglie che per fortuna non hanno causato conseguenze per il piccolo Rafa Jr, il momento peggiore del campione di Manacor è stato quando a Wimbledon ha subito uno strappo ai muscoli addominali che, di fatto, ha condizionato il suo rendimento in campo fino al termine della stagione.

Ora, però, è di nuovo pronto per l’ennesima grande sfida della sua straordinaria carriera. L’obiettivo sarà senz’altro quello di migliorare il suo record di 22 titoli Slam. A proposito di successi, in un’intervista ai canali ufficiali dell’Atp Tour, Rafa ha svelato qual è stata la sua vittoria più bella.

Rafa Nadal non ha dubbi: “È stato molto importante per me”

Roger Federer Rafael Nadal
Roger Federer e Rafael Nadal – Tennispress.it

Difficile sceglierne una ma, dovendo dirlo per forza, direi Wimbledon 2008 contro Roger Federer“. Parole, queste, su cui Nadal sembra non avere dubbi, poiché per lui quella è stata la prima vittoria sul prato di Wimbledon che ha cambiato la sua carriera.

Da quel momento in poi, infatti, ha iniziato a macinare vittorie su qualsiasi tipo di superficie, diventando un giocatore ancora più completo e migliore, in grado di riscrivere la storia del tennis mondiale. “È stato un miglioramento della mia carriera – racconta –. Nel 2005, 2006, 2007 e 2008 ho vinto sulla terra rossa del Roland Garros“.

Inoltre, ad aumentare il significato di quella vittoria, fu il fatto che riuscì ad imporsi sull’amico-rivale di sempre Roger Federer dopo le due sconfitte nelle finali delle due edizioni del torneo precedenti. “Fu un successo importante perché a Wimbledon avevo perso nel 2006 e nel 2007, sempre contro Federer. Vincere il primo torneo del Grande Slam non sulla terra è stato molto importante per me, specialmente dopo aver perso nel 2007” ha spiegato Rafa.

Quel successo a Wimbledon rappresentò quindi un momento di svolta per la sua carriera e negli anni successivi arrivarono anche il primo Australian Open (nel 2009), un altro Wimbledon nel 2010 e lo US Open sempre nello stesso anno. Peraltro, nel 2010, arrivò vicinissimo a firmare il Grande Slam mancando soltanto l’appuntamento di inizio stagione di Melbourne.

Insomma, Nadal è indubbiamente uno dei migliori giocatori di sempre e la rivalità con Federer è stata una delle più belle ed appassionanti non solo per il tennis, ma per tutti gli amanti dello sport che hanno salutato Roger lo scorso 23 settembre in occasione della Laver Cup 2022.