Rafa Nadal non ci sta: per lui va assolutamente migliorato

Reduce dalle sconfitte con Norrie e de Minaur, Rafa Nadal ha proposto una possibile soluzione per migliorare il torneo.

Non è stata la miglior esperienza la prima edizione della United Cup per Rafa Nadal, sconfitto in entrambe le occasioni in cui è sceso in campo. A sconfiggerlo, Cameron Norrie prima e Alex de Minaur poi, anche se quest’ultimo match era già ininfluente poiché i britannici avevano già ottenuto il pass per i quarti grazie alle vittorie su Spagna e Australia.

Rafael Nadal
Rafael Nadal – Tennispress.it

Un formato, questo del torneo tra nazionali a squadre miste, che non convince appieno il 22 volte campione Slam, il quale, nella conferenza stampa post match, ha espresso il suo punto di vista.

La concorrenza è grande e l’idea è fantastica, ma non è bello che ora giochiamo per niente” ha detto riferendosi alla sfida con gli australiani. “È il primo anno di questa competizione e credo che ci siano alcune cose che devono essere sistemate, migliorate e rese più interessanti per tutti“.

Poi, entra nel dettaglio: “Credo che in un girone da tre, il perdente del primo tie debba giocare con la squadra che non ha ancora giocato, perché questo rende la competizione molto più interessante“. E ancora: “Per esempio, anche se nel primo tie abbiamo perso, l’ultima partita di doppio misto probabilmente l’avrei giocata, perché magari quel match può fare la differenza“. Per Rafa, inoltre, in questo modo si penalizza le squadre: “Così non è giusto nemmeno per gli altri, perché ieri nel doppio finale non ci siamo messi al meglio in campo, quindi abbiamo dato un vantaggio alla Gran Bretagna“.

United Cup, Nadal non ci sta

Rafael Nadal
Rafael Nadal – Tennispress.it

Dunque, secondo Nadal, la United Cup andrebbe rivista, con l’ordine delle sfide che andrebbero riorganizzate in base agli esiti dei match di debutto. Questo affinché non si giochino più partite “inutili” come quelle tra Australia e Spagna che, di fatto, non portano alcun vantaggio per le nazionali impegnate.

Non penso sia un bene per la competizione che oggi abbiamo giocato contro l’Australia, essendo entrambi fuori dal torneo – ha detto –. Non dovrebbe accadere se la nazionale che non ha giocato all’inizio giocasse con il perdente del primo giorno“. Pertanto, a detta del campione di Manacor, tutto assumerebbe un altro significato: “Così tutte le partite avrebbero un senso. Questa è la cosa che penso farebbe migliorare questa competizione in futuro“.

I prossimi impegni di Rafa

Rafael Nadal
Rafael Nadal – Tennispress.it

Ad ogni modo, archiviata la United Cup, per Nadal è di nuovo il momento di pensare ai suoi obiettivi individuali. Al momento, lo spagnolo non figura in nessuna delle entry list dei tornei Atp che si svolgeranno nei prossimi giorni. Pertanto, ad oggi, Rafa dovrebbe tornare di nuovo in campo in occasione dell’Australian Open, primo grande appuntamento della stagione.

Soltanto un anno fa, era stato lui ad alzare il trofeo dello Slam. Un successo, questo, che aveva dato inizio ad una serie di vittorie che poi, di fatto, alla luce dei problema della seconda parte di 2022, gli sono valsi la maggior parte dei punti necessari per accedere alle Finals di Torino.

Lavorerò sodo in queste due settimane per stare meglio fisicamente – le sue parole –. In termini di tennis, probabilmente giocare e allenarsi per le prossime settimane con bravi ragazzi, penso che questo possa aiutarmi ad essere più costante. È quello che cerco“.