Nadal non può più sbagliare: è obbligato a farlo

Per Rafa Nadal non ci sono alternative: il tennista spagnolo ora non può più sbagliare, è obbligato a farlo

Rafa Nadal è impegnato nell’ultimo torneo del suo 2022. Il tennista spagnolo, vincitore quest’anno dell’Australia Open e del Roland Garros, va a caccia del trofeo anche ancora manca nella sua ricca bacheca.

Rafa Nadal
Rafa Nadal © Ansa

A Torino Nadal proverà a trionfare alle ATP Finals, uno dei pochi tornei importanti che non è riuscito ancora a vincere. La sua partenza però non è stata delle migliori: il maiorchino ha, infatti, ceduto in due set contro l’americano Taylor Fritz. Un 7-6, 6-1 che conferma la condizione non ottimale dell’attuale numero 2 al mondo.

Il ko al debutto alla Finals complica la strada verso un altro obiettivo che Nadal si è posto: chiudere l’anno da numero 1 al mondo. In conseguenza del forfait di Alcaraz per infortunio, il 36enne ha la possibilità di sopravanzarlo in classifica, anche se riuscirci è tutt’altro che semplice. Dopo aver perso al debutto, infatti, Nadal ha una sola possibilità: trionfare a Torino, vincendo tutte le restanti partite del torneo.

Nadal, vincere sempre per diventare numero 1

Nadal
Nadal © Ansa

Per tornare in cima al ranking ATP, quindi, Rafa Nadal non può permettersi più passi falsi. Chiudere l’anno da numero 1 al mondo è possibile soltanto uscendo vittorioso dalle ATP Finals di Torino e non perdendo più un match.

I prossimi vedranno Nadal affrontare nelle restanti due partite del girone Casper Ruud e Felix Auger Aliassime. Nel caso di risultato positivo, quindi, ci sarà la semifinale e poi l’eventuale atto conclusivo. Il 36enne dopo la sconfitta con Fritz ha affermato di puntare ancora sia alla vittoria del torneo che al primo posto ATP. Servirà però il miglior Nadal per raggiungere il doppio obiettivo e negli ultimi tempi il tennista non sta attraversando un momento felice, almeno sul rettangolo di gioco.

Fuori invece è da poco diventato papà e si sta godendo i primi passi della nuova avventura familiare. Dopo Torino potrà dedicarsi per qualche settimana senza pensieri, ma ora ha due obiettivi da conquistare: vincere un torneo mai vinto finora in carriera e riprendersi la vetta del ranking ATP. Per farlo c’è una sola strada: vincerle tutte.